La poesia è il salvagente (di Kahlil Gibran)

Avatar Content Creator | Aprile 28, 2014

La poesia è il salvagente 
cui mi aggrappo 
quando tutto sembra svanire. 
Quando il mio cuore gronda 

per lo strazio delle parole che

feriscono, dei silenzi che trascinano

verso il precipizio. 
Quando sono diventato così

impenetrabile 
che neanche l’aria
riesce a passare.

Le parole del poeta libanese, accarezzano con cruda leggera passione la visione della poesia stessa.

Una chiara consapevolezza di dove finisce l’io e dove nasce una lirica. Nel punto di intersezione tra queste due aree figurate, vive il poeta. Quando gli affanni di una vita diventano insostenibili, come un incubo, l’unico modo di trovar pace è non solo scrivere, ma vivere e respirare la poesia. La nascita di una poesia è un evento, che mai può essere connesso al non essere. Dipende imprescindibilmente dalla vita vissuta, così come una rivoluzione esiste solo grazie ad un’idea. La poesia è una liberazione. E’ sempre un momento di rivolta del proprio essere.


Written by Content Creator


Comments

This post currently has no responses.

Leave a Reply








Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.