Crimson Peak, Guillermo Del Toro ha svelato 5 curiosità sul film

Avatar Content Creator | Maggio 15, 2015

Il secondo trailer di Crimson Peak è arrivato da poco online e il regista Guillermo Del Toro ha parlato più volte di questo suo ultimo film come una storia di fantasmi. Ha sottolineato poi quale è stata la sua più grande ispirazione, quali sono le sue storie di fantasmi preferite, e perché lui non è un grande sostenitore dell’ambiguità.

1. I fantasmi di Crimson Peak sono di colore rosso per un motivo

C’è qualcosa di diverso nei fantasmi di Crimson Peak, qualcosa di strano che li differenzia leggermente dalla maggior parte dei fantasmi che avete visto sul grande schermo fino ad oggi. E non è solo una decisione casuale stilistica per farli risaltare, ma si tratta di una decisione di Del Toro per fare quello che fa sempre, toccare una ricca tradizione che, per la maggior parte delle persone rimane invisibile ed incompresa. E se ti interessano i fantasmi, non c’è fonte di ispirazione migliore che il grande maestro del genere, MR James. “Sentivo che era importante per il fantasma essere piuttosto singolare nell’aspetto, e ho scelto il colore come codice in un modo che non è mai stato fatto prima. C’è una storia…dopo la morte di MR James, quando hanno trovato alcune sue carte e una di queste era uno schizzo per una storia che agli studiosi è sembrata abbastanza autobiografico perché l’impostazione ha ricordato una proprietà dell’infanzia dei suoi genitori dove ha detto di aver visto un fantasma dietro una porticina di legno. Ed è l’unica volta che non lo ha descritto come il lino stropicciato, ma ha descritto un fantasma con le caratteristiche apparentemente umane di un colore rosa brillante, che mi ha colpito molto“.

La storia Del Toro si riferisce a “A Vignette”, ed ecco il passaggio specifico: “Ho fatto progressi fino a quando ero nel raggio d’azione del cancello e di quel buco. Ahimè, era peggio di quanto avessi temuto! Attraverso quel buco un volto mi stava guardando. Non era mostruoso, non era pallido, scarnificato, o spettrale. In ogni caso gli occhi erano grandi e aperti e fissi. Era rosa e, pensai, caldo, e appena sopra gli occhi, la fronte era avvolta un drappo bianco di lino appeso giù dalle sopracciglia”  M.R. James, “A Vignette” (1936). MR James ha creato i fantasmi più strani, più insoliti, ed inquietanti. Non ha interesse per l’idea di uno spirito melanconico, che desidera il perdono; i suoi fantasmi hanno le braccia pelose, tele di ragno al posto degli occhi, e tentacoli viscidi che cercano nel buio. Sono creazioni brutte. L’horror attira sempre critici leggermente esperti in psicoanalisi, quindi forse è sorprendente che i fantasmi peculiari di James, insieme con il suo status per tutta la vita da scapolo, abbiano invitato più interpretazioni: aveva il terrore dell’ intimità; era un omosessuale non praticante; era asessuato.

crimson5

Tutti questi echi sessuali vengono trasportati in Crimson Peak, dove i fantasmi sono sempre accompagnati da una sfumatura rosso scuro, che ricorda il sangue. E per nascondere forse alcune di queste connotazioni, Del Toro sta fornendo una spiegazione razionale per il motivo per cui i morti sono macchiati di rosso. “I fantasmi sono sepolti nell’argilla” ha detto “come la gente nella palude in La Mummia, e ho pensato che sarebbe stato interessante trattarli nello stesso colore come l’argilla sotto la casa. La casa è costruita sopra le miniere di argilla, e l’argilla è un rosso brillante. Sono codificate visivamente ed è l’unico rosso nell’intero film. Tutti coloro che hanno un po’ di rosso hanno qualcosa a che fare con i fantasmi.

2. Quali sono le storie di fantasmi preferite di Del Toro?

Il mio amore per la letteratura horror è forte come per i film” ha dichiarato il regista. Ha rivelato anche di avere un’intera biblioteca piena di libri horror, con ripiani dedicati ai grandi incompresi, come Algernon Blackwood e Sheridan Le Fanu. “Mi piace tutto da MR James ad Henry James, Sheridan Le Fanu, Edith Wharton, Oliver Onions, Francis Marion Crawford. Sarebbe un elenco di centinaia di persone. Dipende da quello che stai cercando. Le Fanu è veramente bravo a creare fantasmi che hanno una certa malignità e un effetto morale incredibilmente tangibile. MR James è un ragazzo che ti seduce con incredibili dati scolastici e i suoi fantasmi sono sempre ambigui, simbolo del male, e in alcuni casi le sue creature ricordano vagamente una repulsione sessuale. Non era un uomo molto socievole”.

guillermo del toroTante storie di fantasmi amano flirtare con il fantastico, per mostrarvi manifestamente eventi soprannaturali, ma anche l’amore per minare la loro validità attraverso narratori ubriachi, inquadratura elaborate, e, naturalmente, se hai bisogno del materialismo che fa riflettere, c’è sempre l’uomo di scienza. Del Toro tiene molto a questo tipo di storie. “Amo Edith Wharton, perché è molto simile ad Henry James, e può interpretare cose ambigue fino al punto di essere criptica. Questo è il motivo per cui il mio personaggio principale in Crimson Peak si chiama Edith, a causa di Edith Wharton. E poi, Henry James ha scritto una delle mie storie di fantasmi preferite – non quella tutti sanno – ma The Friend of My Friends”.

3. Dimenticate l’ambiguità, i fantasmi di Crimson Peak sono davvero fantasmi

“No, è completamente chiaro. C’è anche un tentativo dei personaggi di razionalizzare i fantasmi. Ma per me, io sono un ragazzo che vuole mostrare il mostro. Voglio sempre che le cose arrivino in anticipo. Ho voluto mostrare il fauno, il kaiju, e il fantasma ne La spina del diavolo. Le cose più spaventose nelle mie storie sono gli esseri umani”.  Il modo principale per spaventare la gente è quello di prendere un punto di vista morale o giudaico-cristiano ed impregnare i fantasmi con il male morale o un male di dicotomia pura – si dice che qualcuno era un adoratore di Satana o che qualcuno era solo un depravato. Vado molto in contrasto con la cultura delle storie di fantasmi. Penso di aver fatto La spina del diavolo, che è ancora uno dei miei film preferiti, e mi auguro che abbiamo tirato fuori qualcosa di simile qui”. Mentre aumenta la CGI, i fantasmi sono interpretati da attori in carne ed ossa.

crimson

4. Si potrebbe non notare, ma la tecnologia è abbastanza importante

L’avvento della tecnologia è usato a volte nelle storie di fantasmi per dissipare le superstizioni della  tenera età. Porta letteralmente la luce dove in precedenza c’era solo oscurità, ed è qualcosa che Del Toro sta tessendo in secondo piano con Crimson Peak. Non è il tema saliente nel film, ma ho voluto raccontare la storia giusta, all’inizio dell’era dell’elettricità” ha detto. “Volevo avere una ragazza [Edith] che è l’unica in America a credere nei fantasmi e ad amare i fantasmi quando tutti gli altri non lo fanno”. La colonna sonora del film è costantemente soffocata da tram, locomotive a vapore. Dall’altra parte c’è il personaggio di Tom Hiddleston, Sir Thomas Sharpe che vive in un mondo in stile vittoriano e medievale e ricco di tradizioni antiche e fatiscenti, eppure le offre la modernità. “Vuole la macchina, vuole costruire una macchina, vuole costruire un futuro. E poi tutte queste cose diventano tematicamente rilevanti per il film, perché in un modo molto evidente nel film, i fantasmi sono il passato. I fantasmi sono le cose che possono alterare il presente“.

crimson6

5. Crimson Peak è un romanzo gotico piuttosto che un horror

Al centro della letteratura gotica si trova la casa: incombente, scura, sinistra. Palazzi gotici e castelli sono più di semplici mattoni e malta; sono sedi di ricchezza ancestrale e di colpa, depositari di dolori storici viventi, e sono labirinti che nascondono terribili segreti. “L’idea di una casa piena di assenza, piena di corridoi vuoti, come la vita umana. Creiamo forme che sembrano umane nei corridoi o dipinte nelle pareti, ma solo due persone sono veramente vive. E’ ossessionato dal passato, e il passato è ciò che distrugge i personaggi. L’idea della famiglia che un tempo era molto ricca, molto importante, e ora non lo è più. Non sono tanto le cose che si perdono nella notte in una normale casa infestata […] questo non è un film horror, ma una storia d’amore gotica. Si tratta di una sorta di ibrido di molti impulsi che sono bollenti in quel periodo. La tensione sessuale, la tensione romantica e la lotta tra il razionale e soprannaturale. Consideriamo il personaggio di Tom Hiddleston, Sir Thomas Sharpe, per un momento: secondo Del Toro, è un uomo in bilico tra il passato e il futuro, con un piede nel vittoriano e uno nel Medievo, ma determinato a costruire un futuro. Edith adora il passato e suoi fantasmi, e anche il personaggio di Charlie Hunnam, il medico, l’uomo freddo di scienza, può essere visto come uno che punta una macchina fotografica verso uno schermo in una stanza scarsamente illuminata. Ma a differenza di Sir Thomas Sharpe, Del Toro non è vincolato dal passato; ha ispirato da essa, e si impegna con i fantasmi di MR James, Le Fanu, e Wharton, nella speranza di creare qualcosa di sorprendente e nuovo.


Written by Content Creator


Comments

This post currently has no responses.

Leave a Reply








Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.